FANDOM


I cuccioli di drago sono il secondo stadio evolutivo dei draghi. Come tutti gli animali ovipari, anche i draghi depongo le uova, dalle quali nascono dei cuccioli.

Tutti i cuccioli dei draghi hanno la capacità di resistere al controllo mentale della Grande Bestia Selvaggia, perchè come detto da Valka: "i cuccioli non ascoltano nessuno".

Uncinato Mortale Modifica

I cuccioli di Uncinato Mortale appaiono la prima volta nel cortometraggio Dragons: Il dono del drago.Tendono ad arrabbiarsi facilmente, sono molto curiosi. I cuccioli di questa razza imparano a volare prima rispetto agli altri cuccioli. Molto veloci, esattamente come gli adulti, non hanno solo questa caratteristica in comune con loro: infatti già a questa età hanno un eccellente olfatto.

GronkioModifica

Come gli esemplari adulti di questa specie, i cuccioli di Gronkio sono pigri e poco veloci nel volo, ma la loro pelle è già molto resistente, come dimostrato in alcune scene di Dragons: Il dono del drago. Le uova di questo drago, come le altre, esplodono al momento della schiusa: per impedirlo basta immergerle in una pozza d'acqua.

Orripilante Bizippo Modifica

L'Orripilante Bizippo, da cucciolo, è molto giocherellone e curioso (questo dipende molto anche dal carattere del drago). Vuole due cose allo stesso tempo, una per testa, e a volte possono essere cose completamente diverse.

Incubo orrendo Modifica

Essendo indipendente fin dalla nascita, il cucciolo di Incubo Orrendo è un abile cacciatore, ma nonostante la vita solitaria cresce come drago molto devoto al padrone.

Tamburo Furente Modifica

Spesso i cuccioli di Tamburo Furente sono indisciplinati, tendono a distruggere tutto quello che si trovano davanti attraverso le onde sonore. Da cuccioli, come dimostrato dai tre cuccioli di Tamburo Furente, cioè Bing, Bam e Boom, apparsi nell’episodio “I tre cuccioli” non possono essere addestrati, ma possono essere controllati solo da un drago adulto della stessa specie.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.